Progetto MIUR Diffusione Cultura

VALORIZZAZIONE “FISICA” E “VIRTUALE” DEI GIACIMENTI PREISTORICI DEL BACINO DI ANAGNI

Il progetto finanziato dal MIUR prevede nella sua parte “fisica” l’allestimento di uno spazio espositivo presso il Laboratorio dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana ad Anagni in cui verranno presentati alcuni dei più importanti reperti paleontologici e archeologici pleistocenici rinvenuti nel Bacino. Inoltre i visitatori potranno osservare da vicino l’attività dei paleontologi e archeologi durante le fasi di catalogazione e studio dei reperti. I ricercatori illustreranno le tecniche di scavo con l’allestimento di un Laboratorio di attività “simulate” dove verranno mostrate “le tecniche e gli strumenti del mestiere”. In questo modo i visitatori avranno la possibilità di seguire le metodologie di indagine degli studiosi dalla parte della “scoperta” fino allo studio e valorizzazione. Saranno organizzate delle attività divulgative anche in situ durante le operazioni di survey da parte dei ricercatori. Il progetto nella parte “virtuale” prevede la realizzazione di modelli virtuali dei giacimenti preistorici presenti nel bacino d’indagine, tramite video multimediali ed esplorazioni in “realtà aumentata” mediante strumenti smart (smartphone e tablet). Quando si tratta di siti paleontologici la comprensione dei valori naturalistici, morfologici e spaziali delle opere diviene veramente difficile per i non addetti ai lavori. La rappresentazione tradizionale con elaborati bidimensionali come disegni o foto, pur restando un insostituibile sistema documentale delle opere storiche, può presentare qualche limitazione, nel senso della partecipazione ad un pubblico di non specialisti. La preparazione delle attività è cominciata nel mese di Maggio 2013 mentre le attività didattiche e divulgative avranno luogo da Settembre a Dicembre 2013.

One thought on “Progetto MIUR Diffusione Cultura

  1. emilianobruner

    Questo è un blog su archeologia e … iPad!
    http://arch-pad.blogspot.com.es/

    La cosa più interessante di queste tecnologie non è lo strumento in se, ma il dover cambiare la prospettiva, vedere le cose secondo una prospettiva differente … Alla fine è la cosa anche più difficile … Utilizzare la tecnologia è facile, cambiare il chip invece può costare molto di più! Il rischio alla fine è utilizzare le nuove tecnologie … con la prospettiva precedente!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*



È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>