In memoria di Ofer BAR-YOSEF

Oggi, domenica 15 marzo 2020 ci lascia Ofer Bar-Yosef (29 agosto 1937) a seguito di una grave e purtroppo incurabile malattia.
Professore di Archeologia preistorica alla Hebrew University di Gerusalemme, divenne professore della stessa materia alla Harvard University negli Stati Uniti nel 1988 e in seguito Professore Emerito.
Autore di oltre 400 articoli e coeditore di oltre 20 volumi, le sue ricerche sono di riferimento per qualunque studioso che abbia interessi soprattutto nell’ambito dei processi di Neolitizzazione in Eurasia e per l’evoluzione tecnologica nel corso del Paleolitico.
Ofer ha infatti dedicato gran parte della sua vita professionale allo studio della transizione tra l’economia di caccia e raccolta a quella agricolo-pastorale in Medio Oriente, Asia centrale e in Cina ma ha orientato i suoi molteplici interessi scientifici anche verso i Neandertal e la loro interazione con i Sapiens. Ha diretto ricerche e scavi, come quelli a Kebara, ‘Ubeidiya, Qafzeh, Hayonim, Yuchanyan e molti altri, i cui risultati sono di fondamento per tutta la comunità scientifica.

Ho conosciuto Ofer sin da quando ero studente alla Sapienza nel 1988; interessato fin da subito alla transizione Sapiens-Neandertal nel Vicino Oriente, gli scrissi una lettera chiedendo la possibilità di partecipare ad una campagna di scavo a Kebara. Conservo ancora la sua lettera di risposta che mi rivelò, ancora prima di conoscerlo, una persona di straordinario umorismo. L’esperienza trascorsa con lui nello scavo di Kebara fu determinante per il proseguo dei miei studi. Nel corso dei decenni ci siamo incontrati diverse volte nel corso di convegni scientifici in varie parti del mondo e, in particolare, ricordo quello di Philadelphia nel 1993 [Dibble, H.L. & O. Bar-Yosef (eds.) 1995. The Definition & Interpretation of Levallois Technology. Prehistory Press, Madison], dove venni invitato insieme al mio maestro Amilcare Bietti proprio da Ofer. In questi ultimi anni, la mia relazione professionale e personale con Ofer ha beneficiato di un nuovo impulso grazie al suo invito a lavorare con lui in Cina. Eravamo a Tel Aviv nel 2015 per un evento scientifico organizzato dall’ambasciata italiana e, in occasione della cena sociale, mi invitò a prendere posto accanto a lui nella parte centrale del lungo tavolo che era stato predisposto in un ristorante, perchè “qui si conversa meglio ma soprattutto è dove passano tutte le portate e si può scegliere cosa mangiare!”. Nel corso delle conversazioni, mi offrì di collaborare nel suo progetto di ricerca in Cina; ovviamente accettai con gioia e da allora il mese di novembre venne consacrato a questo viaggio che mi ha permesso di aprire nuovi orizzonti scientifici alla mia curiosità sulla preistoria del mondo.
E’ difficile esprimere con queste poche parole, quanto l’aver conosciuto Ofer in tutti questi decenni mi ha regalato in termini di visione della vita e della società. Con lui scompare una personalità gigante, una conoscenza erudita, un maestro sagace, un amico.
Stefano Grimaldi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*



È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>