Pubblicazione volume “L’insediamento eneolitico di Selva dei Muli”

L’insediamento eneolitico di Selva dei Muli. Le ricerche dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana. Memorie dell’Istituto italiano di Paleontologia Umana N.7, 2013

Contributi di Italo Biddittu, Alberto Cazzella, Alessandra Facciolo, Claudia Minniti, Aldo G. Segre, Agnese Sperduti, Antonio Tagliacozzo
La collina di Selva dei Muli si colloca nella piana alluvionale del Sacco ad ovest di Frosinone e ad un chilometro circa dall’attuale corso del Fosso Cencia. Nella cartografia laziale del XVII secolo (la località viene indicata con il nome generico di Mole e quello di Selva de’ Murri sive Silva Mollis, dal quale deriva il toponimo attuale. Nelle medesime carte è indicata la presenza in quest’area di una delle più importanti vie di comunicazione che univa il versante pontino con l’Abruzzo marsicano e il reatino. Nel Medioevo il luogo assunse importanza strategica per la difesa del transito tra Lazio e Campania e per i molini disposti alla confluenza dei due corsi d’acqua, il Sacco e il Cencia.

L’area a nord della collina è stata oggetto di lavori in tempi diversi per la realizzazione di scali ferroviari collegati con la stazione di Frosinone, paralleli alla linea principale della ferrovia Roma Napoli che si sviluppa in questo punto con percorso orientato E-W. Un primo tracciato è stato realizzato nel 1971 con lavori che hanno intaccato e portato alla luce gli strati archeologici di un insediamento dell’Età del rame. Ulteriori opere di sbancamento per la realizzazione di un nuovo scalo ferroviario parallelo a quello del 1971sono stati compiuti tra il 1979 e il 1981 e hanno fornito l’occasione all’Istituto Italiano di Paleontologia Umana di effettuare lavori di scavo di una porzione dell’abitato preistorico. Durante gli scavi sono stati riportati in luce diverse strutture e sosno stati recuperati molti reperti ceramici, litici e resti animali. Questi, di cui viene ora fornita una documentazione esaustiva,hanno permesso di ricostruire le principali attività dell’insediamento eneolitico e di inquadrare la vita dell’abitato nell’ambito della facies di Laterza.

 

Risistemazione della biblioteca dell’Istituto

Nello scorso mese di luglio, la biblioteca dell’Istituto, che si trovava ancora negli imballaggi del trasloco dal 2011, è finalmente giunta nella sua sede definitiva, il piano terreno della sede di Anagni. Per ospitarla è stata appena costruita una scaffalatura che potrà ospitare 8.000 volumi e i circa 40.000 estratti della miscellanea. Facciamo appello a tutti i soci dell’Istituto per completare la sistemazione e il riordino della biblioteca, che si svolgeranno nei prossimi mesi. Chi potesse contribuire è pregato di segnalare la propria disponibilità al presidente Fabio Parenti (presidente@isipu.org). Segnaliamo inoltre che la biblioteca ha recentemente ricevuto la donazione di alcuni fondi librari di colleghi e amici. Chiunque fosse interessato a contribuire al suo ampliamento parteciperà di una importante opera di conservazione e divulgazione del sapere scientifico.

Assemblea dei soci 2014

La 63a Assemblea Generale dell’Istituto si è svolta il giorno sabato 28 giugno 2014 dalle ore 15.00 alle 18.30 presso la Sala Conferenze del Convitto Nazionale Regina Margherita di Anagni, Piazza R. Bonghi 2. In mattinata sono state tenute due conferenze:

  • Adriana Moroni e Fabio Parenti:  Le nuove ricerche nella Grotta de’ Santi (M. Argentario)
  • Daniela Zampetti e M. R. Iovino:  L’arte mobiliare della Grotta Romanelli (Castro LE) e della Grotta Giovanna (Floridia, SR): studi attuali. 

Durante l’Assemblea dei Soci è stato riferito agli intervenuti lo stato delle attività istituzionali in corso e sono stati presentati i progetti che si intendono intraprendere (vedi Relazione 63° Assemblea per una elencazione sintetica delle attività 2013-2014). E’ stato illustrato il bilancio consuntivo 2013 e il preventivo 2014, dettagliando le singole voci di entrata e uscita. Sono state approvate le candidature di nuovi Soci, già vagliate dal Consiglio Direttivo. E’ stato infine approvato il nuovo Regolamento, proposto all’Assemblea dal Consiglio Direttivo. Il testo definitivo, integrato e corretto secondo le indicazioni emerse durante la riunione, è disponibile al seguente link: REGOLAMENTO.

ORDINE DEL GIORNO 63a Assemblea Generale 

  1. Comunicazioni della Presidenza
  2. Progetti in corso e relazione sulle attività svolte: gestione del patrimonio, biblioteca, archivio e collezioni, adesione ad altre associazioni
  3. Relazione amministrativa e approvazione del bilancio 2013; preventivo spese 2014
  4. Approvazione del regolamento
  5. Nomina di nuovi soci
  6. Varie ed eventuali

Annuncio scomparsa

Il 5 maggio 2014 è venuta a mancare Loretana Salvadei, membro del nostro Istituto dal 1999. Loretana si è occupata per trenta anni di antropologia fisica presso il Museo Preistorico Etnografico Luigi Pigorini, studiando popolazioni e resti scheletrici di età pre e protostorica in Italia. La ricordiamo con immenso affetto e con la stima che si ha per coloro che lavorano intensamente, nella discrezione e nella modestia, segno della grandezza del loro contributo.

Campagna di scavo 2014 Grotta de’ Santi

Dal 27 maggio al 21 giugno si è svolta, su concessione del Ministero e col fondamentale supporto logistico del Corpo dei Vigili del Fuoco di Grosseto, l’appoggio del Comune di Monte Argentario, della Capitaneria di Porto di Porto S. Stefano, dell’Accademia Mare Ambiente di Porto S. Stefano e dei Divers di Monte Argentario, la campagna di scavo annuale nella Grotta de’ Santi (Monte Argentario, GR) condotta dal Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente – U.R.  Preistoria e Antropologia dell’Università di Siena in collaborazione  con l’Istituto Italiano di Paleontologia Umana, sotto la direzione della dott.ssa Adriana Moroni. Alla campagna hanno partecipato studiosi di varie discipline e studenti italiani e brasiliani. Gli scavi sono stati visitati dal Prof. J.J. Hublin del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, Lipsia, col quale è stata stabilita una collaborazione per indagini stratigrafiche e geocronologiche, dai prof. L. Piccini (Univ. Firenze) e Gianni Zanchetta (Univ. Pisa) per lo studio degli speleotemi, dal dott. D. Gianolla per lo studio delle malacofaune. Il 7 giugno a grotta è stata visitata dal Console Generale del Brasile Paulo Roberto Palm e signora. Nel corso dello scavo la grotta è stata visitata anche dalle troupe televisive di “Linea Blu” (Rai1) e “Wild” (Italia1) che hanno effettuato riprese ed interviste successivamente trasmesse nei rispettivi programmi.
Il 25-26 Agosto è stata effettuato da Ricercatori dei Dipartimenti di Scienze della Terra delle Università di Pisa e di Firenze il rilievo georadar della superficie del riempimento per determinarne lo spessore e la consistenza e programmare l’estensione delle indagini future.
I principali risultati della campagna 2014 sono:

  • messa in luce di superfici di focolari su tre livelli differenti
  • rilevamento di tutte le sezioni stratigrafiche
  • campionamento per datazioni
  • determinazione preliminare delle malacofaune
  • rilevamento georadar

La prossima campagna di scavo e’ prevista per il giugno 2015.

5×1000 all’IsIPU

L’Istituto Italiano di Paleontologia Umana è iscritto per l’anno 2014 alle liste degli enti beneficiari del 5×1000. Per donare il contributo è sufficiente apporre il codice fiscale dell’IsIPU nell’apposito riquadro della dichiarazione dei redditi: C.F. 80227230580

Conferenze Centenario IsIPU

In occasione della ricorrenza dei 100 anni dalla fondazione dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana, formalmente costituito nel maggio 1913 come Comitato per le Ricerche di Paleontologia Umana in Italia, si sono svolte due giornate di conferenze rivolte a specialisti e non (scarica la locandina). Venerdì 13 dicembre, alle 11.30, nell’ambito delle celebrazioni per il centenario dell’Istituto, Fabio Parenti è stato intervistato nel corso della trasmissione radiofonica Radio 3 Scienza. Il programma del meeting 1913-2013: cento anni di storia naturale dell’uomo. L’Istituto Italiano di Paleontologia Umana a un secolo dalla fondazione”, ha previsto una prima giornata ad Anagni venerdì 13 dicembre e un secondo incontro a Roma sabato 14 dicembre. Le conferenze di Roma sono state tenute nella Sala dell’Aranciera presso l’Orto Botanico (programma pdf).





Più Libri Più Liberi 2013

L’IsIPU ha aderito all’iniziativa della Regione Lazio che prevedeva la partecipazione degli Istituti Culturali alla XII Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria Più Libri Più Liberi che si è svolta al Palazzo dei Congressi di Roma dal 5 all’8 dicembre 2013.
Il giorno 8 dicembre alle ore 16 presso lo stand della Regione Lazio (n. N05) l’IsIPU ha tenuto una conferenza dal titolo
Storie antiche e tecnologie attuali: l’Istituto Italiano di Paleontologia Umana a cento anni dalla fondazione.

Visualizza il programma completo





PaleoConferenze: Anagni

L’Istituto Italiano di Paleontologia Umana nell’ambito del Progetto MIUR per la diffusione della cultura scientifica “Valorizzazione fisica e virtuale dei siti preistorici del bacino di Anagni” ha organizzato due PaleoConferenze presso il Convitto Principe di Piemonte ad Anagni (Frosinone). La prima conferenza si terrà alle ore 10 di venerdì 22 Novembre. Interverrà il Prof. Italo Biddittu che illustrerà la storia delle più importanti scoperte archeologiche e paleontologiche degli ultimi anni del Lazio meridionale, in particolare quella dell’”Uomo di Ceprano”. La seconda conferenza si svolgerà alle ore 10 di venerdì 29 Novembre e giovani paleontologi e archeologi della “Sapienza – Università di Roma” presenteranno le loro ricerche (scarica la locandina). Sempre il 29 Novembre alle 17.30 la stessa iniziativa verrà replicata nell’Aula Magna del Convitto Nazionale Regina Margherita, rivolta alla cittadinanza e a chiunque voglia partecipare (scarica la locandina). Le due PaleoConferenze della mattina sono rivolte agli studenti della scuola primaria e secondaria. La partecipazione è gratuita previa prenotazione.